?

Log in

 
 
10 January 2011 @ 02:17 pm
NCIS / Rizzoli & Isles: Cugine  
Questo è quel che succede quando si passa il pomeriggio a guardare puntate di Rizzoli & Isles continuando a pensare che Maura Isles non può che essere imparentata con Kate Todd, o addirittura che si tratti della stessa persona. Ma potrebbe essere pane per tutta un'altra storia...


Titolo: Cugine
Genere: generale
Rating: per tutti
Personaggi: Kate Todd (NCIS), Maura Isles (R&I)
N. parole: 370


Per Joy che ancora aspetta la fanfic che mi aveva chiesto...

Kate era stata presa alla sprovvista. Aveva immaginato talvolta di presentare la cugina ai suoi colleghi ma non si era mai aspettata di doverlo fare ad una scena del crimine e di finire sotto gli occhi di tutti al posto del cadavere. Lei stessa guardando Maura aveva l'impressione di osservare il proprio riflesso in uno specchio. Molti anni prima, in un momento di invidia, si era tinta i capelli per ottenere la stessa gradazione di castano dorato della cugina. Il risultato di quell'esperimento era stato accuratamente cancellato dalla sua memoria anche se era certa che sua madre ricordasse ancora adesso lo stato in cui aveva trovato il bagno.
Maura si era presentata sulla scena impeccabile e sofisticata sui suoi tacchi a spillo, ben lontana dall'immagine informale e pratica a cui Kate si era abituata dovendo lavorare con Gibbs. Per non parlare dell'auto sportiva da cui era scesa, qualcosa per cui DiNozzo aveva salivato fino a quando il capo non gli aveva assestato uno scappellotto sulla nuca.
Odiava sentire una voce quasi identica alla sua chiamarla Caitlin con una punta di affettazione e soprattutto odiava perdere l'attenzione dei suoi colleghi per una donna che era quasi la sua copia. Gibbs aveva flirtato con Maura sfoggiando un fascino che solitamente riservava soltanto alle donne sospettate di qualche crimine. Tony, oltre a fare altrettanto con la detective Rizzoli, aveva cercato di scoprire ogni possibile notizia imbarazzante su di lei. Persino Ducky era rimasto affascinato da sua cugina, ma era disposta a scusare l'anziano patologo, dal momento che nessuno dei suoi assistenti era mai stato vagamente paragonabile.
Sorrise tra sé, l'affetto per la cugina superava ogni possibile invidia o irritazione. Maura, troppo brillante ed intelligente per avere molti amici, era cresciuta in collegi sparsi per l'Europa con Bass, la testuggine che Kate le aveva regalato quand'erano ancora bambine, come compagna fedele. Maura era per lei una sorella, forse perché c'erano troppi anni di differenza con quella vera, ed era felice di averla rivista, di aver avvertito la curiosa amicizia che la legava a Jane Rizzoli e di aver ripreso i contatti con lei.
E poi, se Gibbs era rimasto affascinato da una donna che era quasi sua gemella, significava che per lei c'era speranza?

Fine

9 gennaio 2011
 
 
 
(Anonymous) on January 10th, 2011 08:42 pm (UTC)
da Joy
Continuo a saltellare per il ritorno di Kate... e un mega benvenuto a Maura!
La storia è troppo divertente e pleaseeeeeee c'è materiale per una serie di siparietti: I monologhi di Kate!! :-p
Le sue domande di chiusura mi fanno scompisciare ^^
<3
Domaris (Robin): katedomaris68 on January 14th, 2011 10:36 am (UTC)
Re: da Joy
Mi rendo conto ora che qui non ti avevo risposto!

Sono davvero contenta che questa piccola sciocca storia ti sia piaciuta :)

Sui siparietti di Kate sono un po' più dubbiosa, diciamo che al momento preferisco scrivere quel che di getto mi viene per la testa, senza pianificare...

Bacio,
R <3